Share to: share facebook share twitter share wa share telegram print page

Nicola Abbagnano

Nicola Abbagnano

Nicola Abbagnano (Salerno, 15 luglio 1901Milano, 9 settembre 1990) è stato un filosofo e storico della filosofia italiano.

Biografia

Laureatosi in filosofia nel 1922 a Napoli con Antonio Aliotta, insegna dapprima al liceo classico "Umberto I" e all'Istituto Superiore di Magistero "Suor Orsola Benincasa" del capoluogo campano, per poi trasferirsi all'Università di Torino dove è professore ordinario di storia della filosofia prima presso la Facoltà di Magistero (1936-1939), poi presso quella di Lettere e Filosofia (1939-1976).[1]

Dal 1952 è condirettore, a fianco di Norberto Bobbio, della Rivista di filosofia. Tra il 1953 e il 1962 è stato ispiratore del gruppo di intellettuali e filosofi, comprendente, tra gli altri, lo stesso Bobbio e Ludovico Geymonat, che prende il nome di "neoilluminismo italiano", organizzando una serie di convegni rivolti alla costruzione di una filosofia "laica", aperta ai principali orientamenti del pensiero filosofico internazionale.

Dal 1964 al 1972 collabora con il quotidiano La Stampa; si trasferisce poi a Milano dove collabora con Il Giornale di Indro Montanelli e dove, nel 1985, viene eletto consigliere comunale nelle liste del Partito Liberale Italiano e assume per circa un anno la carica di assessore comunale alla Cultura.

Dal 21 maggio 1957 divenne socio dell'Accademia delle scienze di Torino.[2]

È stato uno dei promotori del Centro di studi metodologici di Torino.

Pensiero filosofico

Come studioso di filosofia, è tra i primi a diffondere in Italia, negli anni trenta e quaranta, la conoscenza delle correnti esistenzialistiche francesi e tedesche, in particolare Heidegger, Jaspers e Sartre.

Nell'opera giovanile Le sorgenti irrazionali del pensiero, del 1923, Abbagnano esalta l'azione creativa, la volontà e l'esperienza, attribuendo ad esse il compito di condurre alla verità. Questi tre sono elementi che egli ricava sostanzialmente dalla filosofia attualista di Giovanni Gentile.

Fondamentale manifesto dell'evoluzione del suo pensiero è l'opera La struttura dell'esistenza, pubblicata nel 1939 a Torino, nella quale Abbagnano propose una terza alternativa alle due correnti appartenenti all'esistenzialismo tedesco, quella di Heidegger e quella di Jaspers.

Abbagnano definisce la propria visione filosofica come esistenzialismo positivo; esso, pur non esplicitamente formulato in veste sistematica, individua la centralità dell'esistenza come momento ontologicamente fondativo, considerando la razionalità dell'uomo come lo strumento principe in grado di garantire a questo fondamento un valore positivo contro ogni possibile nichilismo.

Diversamente rispetto all'impostazione di Heidegger e di Jaspers, Abbagnano evidenzia l'importanza della libertà e dell'indeterminazione e quindi l'ineluttabilità del loro perseguimento.

Oltre a porre la ragione come unico mezzo per creare un legame tra l'uomo e il mondo che lo circonda[senza fonte], il pensiero di Abbagnano insiste molto su un chiarimento dell'orizzonte categoriale della possibilità, in contrasto con quello della necessità, tipico proprio dell'idealismo romantico e dell'esistenzialismo tedesco e francese, fatto che spiega la sua forte critica nei confronti queste due scuole filosofiche.

Nello scritto Possibilità e libertà, distribuito nel 1956, l'autore chiarì il senso della sua filosofia, non incline né alla visione pessimistica dell'uomo imbrigliato e impedito in ogni suo progetto vitale, ma neppure ottimista al punto da concedere all'essere una realizzazione certa.

In quegli stessi anni prende vita il movimento filosofico da lui nominato "neoilluminismo", nel quale precisa il senso dell'esistenzialismo positivo in termini di empirismo radicale e di filosofia applicata alla realtà del mondo sociale. Il movimento, che ha avuto sin dal principio una configurazione culturalmente e politicamente molto composita, avrebbe dovuto favorire l'elaborazione di una visione e di un uso della ragione filosofica alternativi tanto al marxismo che al pensiero cattolico.

Søren Kierkegaard

Abbagnano aveva del resto ripetutamente criticato l'idealismo e il neoidealismo italiano per la tendenza a sottostimare il valore della scienza, che lui invece considera una disciplina indispensabile per la ricerca della conoscenza, oltreché per l'utilizzo delle sue applicazioni. Quindi la scienza non è una disciplina alternativa alla filosofia, ma di pari valore e ad essa complementare.

Abbagnano insiste nei suoi lavori sui concetti di libertà e di ragione; la prima intesa come la possibilità di scegliere, la seconda come facoltà necessaria per regolare le azioni dell'uomo.

Anche il positivismo di stampo ottocentesco fu oggetto di critica da parte di Abbagnano e messo in contrapposizione con le filosofie di Immanuel Kant e Søren Kierkegaard.

Nel suo esistenzialismo positivo, Abbagnano insiste molto sulla finitudine dell'uomo e sulla problematicità dell'esistenza, destinata per sua costituzione a operare nell'orizzonte del possibile. Egli vede kantianamente nel limite una caratteristica di fondo del nostro esistere e del nostro sapere. Negli ultimi anni questo lucido senso del limite e della problematicità esistenziale si è accompagnato a un lucido senso del mistero ultimo delle cose, inteso come un aspetto insopprimibile della nostra esperienza del reale.

«Ed è proprio questo senso del limite e del mistero, insieme alla rinuncia ad ogni (illusoria) infinitizzazione o divinizzazione dell'umano, a fondare – secondo l'ultimo Abbagnano – la possibilità di un incontro genuino fra credenti e non credenti. E ciò all'insegna di quella "umiltà del pensiero" – come la chiamava il filosofo – che rappresenta la condizione indispensabile di ogni etica del dialogo e del reciproco rispetto».[3]

L'opera storiografica

Oltre che autore di saggi su singoli filosofi (Aristotele, Ockham, Meyerson, ecc.), Abbagnano è stato anche l'autore di una celebre Storia della filosofia su cui si sono formate intere generazioni di studenti e di docenti.[4] Egli ha realizzato anche un Dizionario di filosofia, considerato tra i migliori a livello internazionale.[5] La Storia della filosofia (sia nella versione scolastica pubblicata dall'editore Paravia, sia nella versione universitaria pubblicata dalla Utet) è stata poi aggiornata dal suo allievo Giovanni Fornero, in collaborazione con Dario Antiseri e Franco Restaino, in due volumi sulla filosofia contemporanea (1991, 1994). Lo stesso Fornero, insieme a un'équipe di noti studiosi, ha curato anche l'aggiornamento e l'ampliamento del Dizionario di filosofia (1998).

Opere

  • Le sorgenti irrazionali del pensiero, Genova-Napoli, Perrella, 1923.
  • Il problema dell'arte, Genova-Napoli, Perrella, 1926.
  • Il nuovo idealismo inglese e americano, Genova-Napoli, Perrella, 1927
  • La filosofia di E. Meyerson e la logica dell'identità, Napoli-Città di Castello, 1929.
  • La vita di Ockham, Gubbio, Oderisi, 1930.
  • Guglielmo di Ockham, Lanciano, 1931
  • La nozione del tempo secondo Aristotele, Lanciano, Carabba, 1933.
  • La fisica nuova. Fondamenti di una teoria della scienza, Napoli, 1934
  • Il principio della metafisica, Napoli, 1936
  • La struttura dell'esistenza, Torino, Paravia, 1939; La structure de l'existence, trad. Pietro Milli, pref. Giovanni Fornero, Parigi, 2023
  • Introduzione all'esistenzialismo, Milano, Bompiani, 1942.
  • Storia della filosofia
I, Filosofia antica. Filosofia patristica. Filosofia scolastica, Torino, UTET, 1946; 1949; 1963; 1993.
II.1, Filosofia moderna sino alla fine del secolo XVIII, Torino, UTET, 1948.
II.2, Filosofia del romanticismo. Filosofia contemporanea, Torino, UTET, 1950.
II, Filosofia del Rinascimento, la filosofia moderna dei secoli XVII e XVIII, Torino, UTET, 1963; 1972.
III, La filosofia del Romanticismo. La filosofia tra il secolo XIX e XX, Torino, UTET, 1963; 1974..;
4ª ed. aggiorn. e riv. voll. I, II, III, con aggiunta del vol. IV (La filosofia contemporanea): tomo 1 di G. Fornero, L. Lentini, F. Restaino; tomo 2 di G. Fornero, D. Antiseri, F. Restaino. UTET, Torino, 1991-9
  • Filosofia religione scienza, Torino, 1947
  • L'esistenzialismo positivo, Torino, 1948
  • Possibilità e libertà, Torino, 1956
  • Dizionario di filosofia, Torino, UTET, 1961; 1971; 1998 (aggiornato e ampliato da Giovanni Fornero).
  • Per o contro l'uomo, Milano, 1968
  • Fra il tutto e il nulla, Milano, 1973
  • (con Aldo Visalberghi), Linee di storia della pedagogia, 3 volumi, Torino: Paravia, 1975
  • Questa pazza filosofia ovvero l'Io prigioniero, Milano, 1979
  • La saggezza della vita, Milano, 1985
  • La saggezza della filosofia. I problemi della nostra vita, Milano, 1987
  • Scritti esistenzialisti, a cura di B. Maiorca, Torino, 1988
  • Ricordi di un filosofo, a cura di Marcello Staglieno, Milano, 1990.
  • Protagonisti e testi della filosofia, Milano, 1990
  • L'esercizio della libertà. Scritti scelti (1923-1988), a cura di B. Maiorca, ed. riv. agg. e integrata, Boni, Bologna, 1990
  • Esistenza e metafisica (1936-1962), a cura di B. Maiorca, Milella, Lecce, 1997
  • Scritti neoilluministici (1948-1965), a cura di B. Maiorca, introduzione di P. Rossi e C. A. Viano, UTET, Torino, 2001

Note

  1. ^ Montano.
  2. ^ Nicola ABBAGNANO, su accademiadellescienze.it. URL consultato il 7 luglio 2020.
  3. ^ La frase è tratta da G. Fornero, Abbagnano tra limite e mistero, «Avvenire», 28 settembre 2010.
  4. ^ La prima edizione della storia della filosofia di Abbagnano, che nel 1937 aveva già pubblicato un Sommario di filosofia per i licei risale agli anni 1945-1947 (per il manuale scolastico) e al 1946-1950 (per il manuale universitario). Attraverso successive edizioni e aggiornamenti (per opera di Giovanni Fornero) tale storia continua a essere la più diffusa ed apprezzata nelle nostre scuole.
  5. ^ N. Bobbio, Discorso su Nicola Abbagnano, in: N. Abbagnano, Scritti scelti, Taylor, Torino, 1967.

Bibliografia

  • Norberto Bobbio, La filosofia dell'esistenza in Italia, in "Rivista di Filosofia", II, 1941.
  • Luigi Pareyson, Il pensiero di Nicola Abbagnano e i suoi sviluppi recenti in Id., Esistenza e persona, Taylor, Torino, 1950.
  • Antonio Aliotta, L'esistenzialismo positivo di N. Abbagnano, in Id., Critica dell'esistenzialismo, Perrella, Roma, 1951.
  • Giorgio Giannini, L'esistenzialismo positivo di Nicola Abbagnano, Morcelliana, Brescia, 1956.
  • Pietro Chiodi, L'esistenzialismo, Loescher, Torino, 1957.
  • Franco Lombardi, L'esistenzialismo in Italia, in Id., La filosofia italiana negli ultimi cento anni, Arethusa, Asti, 1958.
  • Antonio Santucci, Esistenzialismo e filosofia italiana, Bologna, Il Mulino, 1959, 2 ed. 1967.
  • Norberto Bobbio, Discorso su Nicola Abbagnano, in N. Abbagnano, Scritti scelti (a cura di Giovanni De Crescenzo e Pietro Laveglia), Taylor, Torino, 1967.
  • Giuseppe Semerari, Il neoilluminismo filosofico italiano, in Id., Esperienze del pensiero moderno, Argalia, Urbino, 1969.
  • AA.VV., La cultura filosofica italiana dal 1945 al 1980 nelle sue relazioni con altri campi del sapere, Atti del Convegno di Anacapri - giugno 1981, Guida, Napoli, 1988.
  • Giuseppe Semerari, Genesi e formazione dell'esistenzialismo positivo, in Id., Novecento filosofico italiano, Guida, Napoli, 1988.
  • Mirella Pasini, Daniele Rolando (a cura di), Il neoilluminismo italiano. Cronache di filosofia (1953-1962), Il Saggiatore, Milano, 1991.
  • Nino Langiulli, Possibility, Necessity, and Existence. Abbagnano and His Predecessors, Temple University Press, Philadelphia, 1992.
  • Giuseppe Cacciatore, Giuseppe Cantillo (a cura di), Una filosofia dell'uomo, Atti del Convegno in memoria di N. Abbagnano (Salerno, novembre 1992), Comune di Salerno, 1995.
  • Marco Delpino, Paolo Riceputi (a cura di), Nicola Abbagnano. L'uomo e il filosofo, Atti del Convegno di studi (S. Margherita Ligure, marzo 1996), coordinamento di G. Fornero, Edizioni Tigullio-Bacherontius, S. Margherita Ligure, 1999.
  • Silvio Paolini Merlo, Consuntivo storico e filosofico sul "Centro di Studi Metodologici" di Torino (1940-1979), Pantograf (Cnr), Genova, 1998
  • Bruno Maiorca, Nicola Abbagnano, Seam, Roma, 1999.
  • Bruno Miglio (a cura di), Nicola Abbagnano. Un itinerario filosofico, Atti del Convegno per il centenario della nascita (Torino, ottobre 2001), Il Mulino, Bologna, 2002.
  • Aniello Montano, Il prisma a specchio. Percorsi di filosofia italiana tra Ottocento e Novecento, Soveria Mannelli, Rubbettino Editore, 2002, pp. 132-144, ISBN 978-8-849803-82-2.
  • Bruno Maiorca, Nicola Abbagnano. Esistenza, ricerca, saggezza, Ferv, Roma, 2003.
  • Rosanna Panelli Marvulli, Tributo ad Abbagnano, in www.abbagnanofilosofo.it., 2015.
  • Rosanna Panelli Marvulli, Abbagnano. Una vita per la filosofia, con un saggio di Giovanni Fornero, UTET, Torino, 2019.
  • Silvio Paolini Merlo, Abbagnano a Napoli. Gli anni della formazione e le radici dell'esistenzialismo positivo, Guida, Napoli, 2003, ISBN 88-7188-694-1.
  • Carlo Augusto Viano, Stagioni filosofiche. La filosofia del Novecento fra Torino e l'Italia, Il Mulino, Bologna, 2007.
  • Pietro Rossi, Avventure e disavventure della filosofia. Saggi sul pensiero italiano del Novecento, Il Mulino, Bologna, 2009.
  • Giorgio Primerano, La prospettiva pedagogica di Nicola Abbagnano, Aracne Editrice, Roma, 2009, ISBN 978-88-548-2653-3.
  • Silvio Paolini Merlo, L'esistenza come struttura. Il pensiero di Nicola Abbagnano e l'esistenzialismo, Editoriale Scientifica, Napoli, 2009.
  • Silvio Paolini Merlo, Mito e ragione mitica. Corollari sull'estetica di Nicola Abbagnano, in Id., Estetica esistenziale, Mimesis, Milano, 2010.
  • Franco Ferrarotti, Un greco in via Po. Passeggiate silenziose con Nicola Abbagnano, Edb, Bologna, 2017.
  • Donato Sperduto, Verità, necessità e la sfida etica di Emanuele Severino, Dianoia, n. 30, giugno 2020, pp. 207-223.

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autoritàVIAF (EN61572754 · ISNI (EN0000 0001 2135 6522 · SBN CFIV024103 · BAV 495/245290 · Europeana agent/base/145442 · LCCN (ENn79063326 · GND (DE118968564 · BNE (ESXX891359 (data) · BNF (FRcb12088536d (data) · J9U (ENHE987007257325605171 · NSK (HR000141008 · CONOR.SI (SL161016419

Read other articles:

Den här artikeln har skapats av Lsjbot, ett program (en robot) för automatisk redigering. (2016-05)Artikeln kan innehålla fakta- eller språkfel, eller ett märkligt urval av fakta, källor eller bilder. Mallen kan avlägsnas efter en kontroll av innehållet (vidare information) För andra betydelser, se Sandown Bay. Sandown Bay Vik Land  Storbritannien Riksdel England Grevskap Isle of Wight Koordinater 50°38′00″N 1°08′00″V / 50.63333°N 1.13333°V / 50.…

Duchess of Aosta Princess HélèneDuchess of AostaBorn(1871-06-13)13 June 1871York House, Twickenham, EnglandDied21 January 1951(1951-01-21) (aged 79)Castellammare di Stabia, ItalyBurialBasilica dell'Incoronata Madre del Buon Consiglio, NaplesSpouse Prince Emanuele Filiberto, Duke of Aosta ​ ​(m. 1895; died 1931)​ Colonel Otto Campini ​ ​(m. 1936)​ IssuePrince Amedeo, Duke of AostaPrince Aimone, Duke of Aosta…

ЖожакJaujac   Країна  Франція Регіон Овернь-Рона-Альпи  Департамент Ардеш  Округ Ларжантьєр Кантон Тюей Код INSEE 07107 Поштові індекси 07380 Координати 44°38′16″ пн. ш. 4°15′25″ сх. д.H G O Висота 332 - 1207 м.н.р.м. Площа 24,27 км² Населення 1291 (01-2020[1]) Густота 48,78 ос./км² Роз…

Новомаликлинський район Новомалыклинский район Герб Прапор районний центр Нова Маликла Країна  Росія[1] Регіон Ульяновська область Населення  - повне 13 996 осіб (1 січня 2018)[2] Площа  - повна 971 км² Часовий пояс UTC+3[3] і UTC+4[3] Дата заснування 16

Das Grab von Paul Graebner im Familiengrab von Paul Ascherson auf dem Parkfriedhof Lichterfelde in Berlin. Karl Otto Robert Peter Paul Graebner (* 29. Juni 1871 in Aplerbeck; † 6. Februar 1933 in Berlin)[1] war ein deutscher Botaniker. Sein offizielles botanisches Autorenkürzel lautet „Graebn.“ Inhaltsverzeichnis 1 Leben 2 Literatur 3 Weblinks 4 Einzelnachweise Leben Seine Eltern waren der Gymnasiallehrer Robert Graebner († 1881) und die Zeichenlehrerin Marie, geb. Keßler († …

Untuk merek produk elektronik asal Turki, lihat Beko (merek). Beko Beko adalah karakter fiksi Disney, di mana ia adalah alien dari Planet Bebek dengan mengendarai piring terbang berbentuk uang. Ketika ia mencapai Bumi, ia berteman dengan Donal Bebek dan Gober Bebek . Selain itu, ia juga memiliki kemampuan telekinetik dan telepati. Ia juga sangat jujur, contohnya ia tidak tahu cara untuk berbohong. Artikel bertopik komik Disney ini adalah sebuah rintisan. Anda dapat membantu Wikipedia dengan meng…

1906 WSPU marchPart of first-wave feminismDate19 February 1906; 117 years ago (1906-02-19)LocationHouse of Commons, England51°29′59.6″N 0°07′28.8″W / 51.499889°N 0.124667°W / 51.499889; -0.124667Caused byFight for women's suffrageMethodsDemonstrations, marches, hectoring politiciansResulted in300–400 women march to the House of CommonsParties Women's Social and Political Union (WSPU) Liberal government, 1905–1915 Lead figures Emmeline Pan…

RER C IkhtisarStasiun84Penumpang140.000.000/tahunOperasiDibuka1979(terakhir diperpanjang tahun 2006)RangkaianZ 5600, Z 8800, Z 20500, Z 20900Data teknisPanjang lintas185,6 km (115,3 mi)Lebar sepur1.435 mm (4 ft 8+1⁄2 in) Peta rute Jalur RER C yang akurat secara geografis Kereta RER C di stasiun St-Michel. Jembatan RER C di Issy-les-Moulineaux. Jalur RER C yang secara geografi akurat. RER C merupakan satu dari lima jalur sistem angkutan cepat RER yang melayani …

This article needs additional citations for verification. Please help improve this article by adding citations to reliable sources. Unsourced material may be challenged and removed.Find sources: Fight Flipper album – news · newspapers · books · scholar · JSTOR (August 2012) (Learn how and when to remove this template message) 2009 live album by FlipperFightLive album by FlipperReleasedMay 19, 2009Recorded2007GenreHardcore punk, noise rockLeng…

Experimental vertical take-off and landing (VTOL) jet aircraft X-13 Vertijet The X-13 in flight at Edwards Air Force Base Role Experimental VTOL jet aircraftType of aircraft Manufacturer Ryan Aeronautical First flight December 10, 1955 Retired September 30, 1957 Status on display (2) Primary user United States Air Force Number built 2 The Ryan X-13 Vertijet (company designation Model 69) was an experimental tail-sitting vertical take-off and landing (VTOL) jet aircraft built by Ryan Aeronau…

Ekor prehensil. Prehensilitas adalah kualitas dari bagian tubuh atau organ yang telah beradaptasi untuk mencengkram atau memegang. Kata prehensilitas berasal dari istilah Latin prehendere, yang berarti untuk memegang. Contoh Bagian tubuh yang dapat menjadi prehensil meliputi: Kaki prehensil: Tangan dari primata semuanya prehensil dengan derajat yang bervariasi Cakar dari kucing Kaki dari burung pengicau Ekor prehensil – Berbagai jenis kadal memiliki ekor prehensil (genus gekko, chameleons, dan…

Kokoro FujiiKokoro Fujii di Munich, 2017Informasi pribadiKewarganegaraanJepangLahir30 November 1992 (umur 31)Prefektur Shizuoka, JepangTinggi176 cm (5 ft 9 in)Berat64 kg (141 pon) Karir panjatJenis panjatPanjat tebing Kokoro Fujii (藤井 快 Fujii Kokoro, lahir 30 November 1992) adalah seorang atlet panjat tebing profesional Jepang. Ia memenangkan kategori panjat tebing putrsa pada Kejuaraan Dunia Panjat tebing IFSC 2021,[1] meraih berbagai medali dalam lom…

Scientific study of myriapods; a branch of zoology Myriapodology is the scientific study of myriapods which includes centipedes and millipedes. The field of myriapodology can also cover other myriapods such as pauropods and symphylans. Those who study myriapods are myriapodologists.[1] Part of a series onMyriapods Classes Centipedes • Millipedes • Symphylans • Pauropods Anatomy Organ of Tömösváry • Ozopore • Ultimate legs Cyphopods • Forcipules • Millipede gonopods Notab…

Terminal SitubondoTerminal Penumpang Tipe BPapan Nama Terminal SitubondoNama lainTerminal MimbaanLokasiJalan Jawa Nomor 1Dusun Mimbaan Barat, Kelurahan Mimbaan, Kecamatan Panji, Kabupaten SitubondoProvinsi Jawa TimurKodepos 68323IndonesiaKoordinat7°42′25″S 114°00′43″E / 7.7068967°S 114.0120125°E / -7.7068967; 114.0120125Koordinat: 7°42′25″S 114°00′43″E / 7.7068967°S 114.0120125°E / -7.7068967; 114.0120125PemilikPemerintah Ka…

Ne doit pas être confondu avec Cimetière de Fontainebleau. Cimetière juif de FontainebleauAllée centrale du cimetière, depuis la grille d'entréeAdresse Route Louise Fontainebleau, Seine-et-Marne FranceMise en service Années 1790Coordonnées 48° 25′ 01″ N, 2° 41′ 50″ EIdentifiantsSauvons nos tombes 25123modifier - modifier le code - modifier Wikidata Le cimetière juif ou cimetière israélite de Fontainebleau, aussi appelé cimetière de la Val…

本条目是符腾堡历代统治者的名单。符腾堡从最初的伯国发展为公国、王国,最后在1918年王室被颠覆。 符腾堡领主 1081年-1110年:康拉德一世(Konrad I) 1110年-1143年:康拉德二世(Konrad II) 符腾堡伯爵 主条目:符腾堡伯国 符腾堡伯爵纹章 1143年-1158年:路德维希一世(Ludwig I) 1158年-1181年:路德维希二世(Ludwig II) 1181年-1240年:哈特曼 (Hartmann) 1194年-1241年:路德维希三世…

Musical method or technique of composition For the theory of dreams and time, see Serialism (philosophy). Six-element row of rhythmic values used in Variazioni canoniche by Luigi Nono.[1] In music, serialism is a method of composition using series of pitches, rhythms, dynamics, timbres or other musical elements. Serialism began primarily with Arnold Schoenberg's twelve-tone technique, though some of his contemporaries were also working to establish serialism as a form of post-tonal think…

Australian trailable yacht Red Witch[1]A Red Witch on a spinnaker runDevelopmentYear1972DesignPer BrohallNameRed Witch[1]BoatCrew1 to 4Draft1.27 metres (4 ft 2 in)HullTypeMonohull keelboatConstructionFibreglassLOA10.16 metres (33.3 ft)LWL5.94 metres (19.5 ft)Beam2.33 metres (7 ft 8 in)SailsTotal sail area16 metres (52 ft)[edit on Wikidata] A Red Witch is a shallow draught 19.5-foot (5.9 m) trailerable, fixed keel yacht, designed to fit …

Honeybrook Farm Honeybrook Farm (grid reference ST841730) is a working farm three miles (4.8 km) south of Castle Combe in Wiltshire, England, between the villages of Biddestone and Slaughterford.[1] The farm has a total area of sixty-five hectares (160 acres), of which forty-two point four one hectares (104.8 acres) are designated as a biological Site of Special Scientific Interest.[2] Land Honeybrook Farm is situated within the Cotswold Area of Outstanding Natural Beauty an…

Mannarghat Muppil Nair (Kunnattattil Madambil Nair) was the royal title usually given to the eldest male member of Mannarghat Muppil Nair family, in whom the Mannarghat jenmi estates and feudatory obligations to the Velattiri Raja of Valluvanad alike vested. He was a desavazhi (provincial governor) under Valluvanad (southern Malabar, India), looking after the eastern boundary and the hilly areas. The Nairs had considerable land holdings in the area and also held about 70% of the land in Attappad…

Kembali kehalaman sebelumnya